Gioco di carte con la napoletana

Assassino (gioco di carte)

gioco di carte con la napoletana

Mazzo di carte napoletane. Tipo, gioco di carte. Luogo origine, XVII secolo. Varianti, Scopone scientifico. Regole. N giocatori, 4. Squadre, 2 coppie in 4. Giro, Senso antiorario. Mazzo, 40 carte. Lo Scopone o Scopone scientifico e un gioco di carte, variante della popolare Scopa. Come la scopa, si gioca con un mazzo di 40 carte nei valori dei semi italiani.

con

Account Options Sign in. Top Charts. New Releases. Solitario Napoletano 3 Michele Iorio Card. Add to Wishlist. Translate the description back to Italian Italy Translate.

Alcuni fanno riferimento al Chitarrella per datare e documentare la diffusione dello scopone. Generalmente la prima variante con quattro carte in tavola viene detta Scopone e la seconda con nessuna carta in tavola viene detta Scopone Scientifico, ma altri invertono i due nomi chiamando Scopone scientifico la variante con carte in tavola e Scopone quella con tutte le carte in mano. Come la scopa , si gioca con un mazzo di 40 carte nei valori dei semi italiani spade, coppe, bastoni e denari. Come la scopa, anche lo scopone ha numerose varianti. Quasi tutte le varianti della scopa si possono applicare allo scopone, per esempio il re bello , l'asso pigliatutto. La variante scelta viene concordata dai giocatori prima della partita. Il fatto che non vengano redistribuite le carte in continuazione obbliga il giocatore a sforzare maggiormente la memoria per ricordarsi quali carte dovrebbe possedere l'avversario.

Account Options Sign in.
the sun newspaper page 3

Il gioco della Bestia nasce in Francia nel Settecento. La prima notizia italiana della Bestia viene da Raffaele Bisteghi, nel suo Il giuoco pratico, Bologna [3] , pagg e segg.. Giocava per la vittoria del piatto il giocatore vincitore di una breve licita contro tutti gli altri. Del gioco originario restano nella Bestia di oggi alcuni fondamenti: il mazzo ridotto, il numero limitato di prese in gioco cinque , l'obbligo di risposta e di taglio, la contesa sul numero delle prese e non sul valore delle carte, le poste o bestie pagate dal chiamante perdente che non venivano incassate dai difensori vincitori ma passavano al piatto della smazzata successiva. La "dichiarazione" o "licitazione" ha lo scopo di determinare quanti giocatori parteciperanno al gioco della carta.

Per cominciare il mazziere pesca dal mazzo tante carte quanti sono i giocatori, preferibilmente figure, ma anche altre carte se i giocatori sono molti. Tra le varie carte ci devono assolutamente essere il re di denari K a Quadri e l'asso di spade Asso di picche. Il mazziere distribuisce a ognuno una carta, coperta. Tutti gli altri sono civili. Una volta che ognuno ha visto la propria carta che non deve mostrare a nessuno [1] , l'assassino comincia a fare l'occhiolino ai vari giocatori: chi vede che l'assassino gli ha fatto l'occhiolino deve mostrare la propria carta e dichiararsi morto. I civili non possono inoltre fingere di essere l'assassino e non possono suicidarsi. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.



Muoiocartedagioco - Antica Fabbrica Carte da Gioco e giochi da tavolo

.

.

3 thoughts on “Gioco di carte con la napoletana

  1. L'assassino e un gioco di carte, per il quale solitamente si usano le carte napoletane, ma di cui esiste anche una versione con quelle francesi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *